Lo Stile Internazionale nasce nei tardi anni Venti e nei primi anni Trenta del Novecento, come nuovo linguaggio formale in architettura e in architettura d’interni. Un processo che si contrapponeva alle tendenze incerte e disordinate del XIX secolo e agli esperimenti dell’inizio del XX : l’architettura viene concepita come volume e non come massa, ordine nel progetto architettonico e condanna totale alla decorazione arbitraria. Coinvolge principi sociali, estetici e tecnici che vennero applicati da Mies van der Rohe, Alvar Alto, Marcel Breuer e Le Corbusier nel progetto e nella produzione del mobile, la cui evoluzione fu pari al ruolo dei loro edifici in architettura.

Le Corbusier- disegno 1928-

Soggiorno di una casa con galleria a terrazzo. Il mobilio รจ essenziale: le poltrone imbottite e la chaise longue sono collocate nell’ambiente in maniera casuale. A destra in primo piano, lo schizzo di una poltrona con schienale mobile, progettata e prodotta in seguito come LC1

presente nel nostro catalogo

http://www.modernaria.com/sedute/poltrone-vintage-firenze/

fonte: “Storia del mobile moderno” Karl Mang Editori Laterza